News ed Eventi

01 Giugno 2014
FINALE PLAYOFF - gara 1 - INIZIO COL BOTTO
Deseta Casa VOLLEY COSENZA - Soc. Cuore REGGIO CALABRIA 3 - 0 (25/17 – 25/20 – 25/21)

In un PalaFerraro allestito a festa per l’occasione, la Deseta Casa Volley Cosenza si aggiudica con grinta e tenacia il primo round della sfida play-off per l’accesso alla serie C contro la soc. Cuore Reggio Calabria.  Nonostante fosse la vigilia di due giorni festivi con molti cosentini in vacanza, la tribuna de Palazzetto presentava un colpo d’occhio fantastico con un numeroso pubblico che si è appassionato a spingere alla vittoria la squadra di casa. Sulle pareti del palazzetto campeggiavano  vari striscioni (Noi si che ci mettiamo il Cuore  –  C…. dispiace per gli altri - …….).
Presenti anche molti sponsor che hanno partecipato accoratamente all’evento: l’ing. Enzo D’Agostino di OMNIA ENERGIA gas e luce, l’ing. Francesco Tricò di BANCA MEDIOLANUM, La Dr.ssa Adriana Bajamonte e l’ing. Francesco Mordente di PROGETTO & IMPRESA e tanti altri. Il Dr. Emilio De Seta della DESETA CASA - TUBISIDER, lontano da Cosenza per impegni, era in costante collegamento telefonico con il Presidente della Società per ricevere aggiornamenti. Antonio Vallotta e Tonino Simari, inoltre, si preoccupavano di aggiornare il sito Facebook per tutti i tifosi ed amici che non hanno potuto partecipare all’evento.
Folta anche la rappresentanza di allenatori, preparatori, dirigenti del movimento pallavolistico regionale. Tra i giornalisti e le TV presenti segnaliamo Valter Leone del Quotidiano e di R.T.I. Calabria, sempre attento osservatore degli avvenimenti sportivi. Molti anche i fotografi, con  Andrea Rosito, fotografo ufficiale della Deseta Casa Volley Cosenza, straordinario professionista della foto sportiva, impegnato a riprendere le fasi salienti dell’incontro.
A fare da cornice il rullo dei tamburi dei “Tamburinai di San Francesco di Paola”, che insieme ai tifosi hanno suonato la carica.
La formazione cosentina si è presentata alla prima finale in pieno organico, anche se con qualche atleta con lievi acciacchi che ne hanno limitato le prestazioni. Vista la giovane età di molte ragazze rossoblu, erano, però, la tensione e l’ansia per la posta in palio ad essere la principale preoccupazione di mister Marco Crispino e di Veronica Imbrogno. La formazione reggina, guidata dal bravo Jordan Krumov, è una formazione esperta, con un’età media decisamente superiore, ancor più in questi play-off con il recupero e l’inserimento di alcune veterane della pallavolo, che negli anni passati hanno militato in categorie della massima serie. Si è presentata orfana però della bulgara Dimitrova, cosa che ha contrariato e non poco mister Krumov.
Al cospetto di una squadra ordinata e capace di chiudere adeguatamente tutti gli spazi, la Deseta Casa Volley Cosenza, ad eccezione della fase iniziale dell’incontro dove l’emozione aveva preso il sopravvento, ha saputo dominare e controllare le avversarie. Conoscendo i limiti della tenuta fisico-atletica delle avversarie (nel terzo set alcune giocatrici erano in evidente debito d’ossigeno), è stata la costanza e la continuità della performance che ha permesso al sestetto di casa di imbrigliare l’incontro. Sono state straordinarie le ragazze a rispettare alla lettera le disposizioni di mister Crispino, che aveva studiato accuratamente le avversarie. La freschezza atletica e il forte spirito di gruppo che contraddistingue il drappello cosentino, alla lunga hanno avuto decisamente la meglio.
Ora in marcia verso Reggio Calabria con la stessa tranquillità, concentrazione e rabbia agonistica senza distrazioni di sorta. Certamente il clima al “Palloncino” di Reggio Calabria sarà diverso. Bisognerà stare concentrati solo ed esclusivamente sulla partita e sulle avversarie. Andare in serie C significa dimostrare di aver raggiunto anche la giusta maturità. Per questo motivo tutto ciò che succede al di fuori del rettangolo e tutto ciò che non riguarda il gioco non deve assolutamente interessare. E’ fondamentale rispettare rigorosamente le indicazioni di Mister Marco Crispino. Nei momenti di difficoltà, chiedere sempre e solo allo staff tecnico. Se si mantengono lo standard della prima gara, la sicurezza e la forza di gruppo, i presupposti per far bene ci sono tutti.
In questi due giorni bisogna lavorare in modo mirato: recuperare dagli acciacchi le ragazze con problemi, preparare con pari metodo l’incontro e presentarsi a Reggio con serenità e coscienti della propria forza.
Bisogna  tutti insieme  remare con ancor più energia ed efficacia, coscienti che si è vinta una battaglia, non la contesa, e quando mister Marco Crispino  e Veronica Imbrogno daranno il via, sportivamente parlando, “scatenate l’inferno”.

PROSSIMA
SFIDA
24 Marzo 2019 - Ore 18,00
PalaKro Crotone
G. Sacco Crotone
VS
Volley Cosenza